Apple Pay: meglio Unicredit o Hype?

17 maggio 2017. Ecco una delle numerose date storiche per quanto riguarda gli amanti dei device griffati con la mela morsicata di Cupertino in Italia. A partire da tale giorno è infatti approdato all’interno dei nostri confini il servizio di pagamento offerto da Apple che prende il nome di Apple Pay.

Tramite questa modalità è possibile utilizzare il proprio iPhone (dalla versione 6 in poi), Apple Watch, iPad (da Air 2) per fare pagamenti attraverso Pos, online ed addirittura grazie alle app Apple. Ecco nel particolare come funziona il servizio, soprattutto nel caso di Unicredit che è stata tra le prime banche ad adeguare i propri conti, carte, ecc (Diventa cliente UniCredit).

?42585008C1415428780 Apple Pay: meglio Unicredit o Hype?

Come funziona Apple Pay?

Come già accennato con Apple Pay, a seconda del device utilizzato, sarà possibile fare acquisti via web, nei classici negozi (tra gli altri Ikea, Esselunga, Leroy Marlin) od all’interno delle applicazioni. Nel particolare solo con iPhone 6 (o superiore) sarà possibile usufruire dei tre canali suddetti mentre con Apple Watch non sarà possibile utilizzare le app e con iPad l’acquisto in negozio. E’ infine possibile acquistare online attraverso Mac. Da segnalare inoltre che tramite l’Apple Watch è possibile utilizzare anche iPhone 5 e 5s.

Il funzionamento ‘base’ di Apple Pay è fondamentalmente quello di digitalizzare le proprie carte di credito. Nel caso dei pagamenti tramite Pos impiega la tecnologia NFC. Sarà infatti sufficiente avvicinare il proprio smartphone od il proprio Apple Watch per procedere al pagamento alla pari di una normale carta di credito contactless. Nel primo caso sarà semplicemente necessario mettere il dito sul Touch ID che svolgerà anche un ulteriore funzione di controllo e sicurezza.

Il pagamento attraverso Pos con Apple Pay è quindi comodo e facilmente accettato essendo abilitato sui circuiti Visa, MasterCard, Maestro, VPay. La possibilità di pagare con la metodologia di pagamento ideata a Cupertino viene comunque indicata con uno dei seguenti simboli:

simbolo-apple-1024x125 Apple Pay: meglio Unicredit o Hype?Ricordiamo che con Apple Pay è comunque possibile pagare anche online in uno dei numerosi negozi web che già accettano questo metodo di pagamento. Tra i principali gruppi e negozi online abilitati ricordiamo ad esempio:

  • Unieuro;
  • Monclick;
  • Stockisti;
  • EasyJet.

Come si attiva Apple Pay?

Per attivare/configurare Apple Pay è innanzitutto necessario possedere una carta appartenente ad una banca aderente al servizio. Per ora sugli scudi troviamo Unicredit che risulta uno dei pochi istituti di credito abilitati insieme ad Hype  e Widiba mentre Fineco (scopri qui i prestiti Fineco) dovrebbe aderire entro il termine del 2017.

A questo punto sarà sufficiente sfruttare l’app Wellet del proprio device Apple e procedere con l’aggiunta delle carte di credito (massimo 8). Sarà poi la banca che ha emesso la credit card a dare autorizzazione all’aggiunta fornendo il Numero account dispositivo (codificato) che rappresenta la base attraverso la quale Apple Pay sarà in grado di creare i codici di sicurezza dinamici univoci.

Questo è sicuramente l’aspetto più importante visto che il numero account dispositivo e i relativi codici di sicurezza dinamici univoci (cambiano per ogni pagamento) rendono le transazioni con Apple Pay totalmente sicure. Nessun dato relativo alle carte di credito viene infatti memorizzato all’interno dell’iPhone o dell’iPad così come il numero account dispositivo non potrà mai essere decodificato da Apple.

Apple Pay e Unicredit

Il funzionamento di Apple Pay con Unicredit è ancora più semplice. Tutto è infatti facilitato dalla app mobile di Unicredit all’interno della quale sarà necessario attivare l’app Monhey. Tramite questa app (che permette anche una funzionalità simile ad Apple Pay per Android) sarà possibile aggiungere in maniera diretta la propria carta di credito seguendo una facilissima procedura guidata.

Sarà comunque possibile aggiungere le proprie carte di credito Unicredit direttamente al wallet nella maniera precedentemente indicata. La sicurezza grazie alla app Unicredit risulta essere ulteriormente aumentata grazie al monitoraggio delle varie transizioni che vengono comunicate sul device 24/24 sette giorni su sette.

?44218020C452855737 Apple Pay: meglio Unicredit o Hype?

Quanto costa?

Il costo del servizio in associazione con Unicredit è assolutamente gratuito. Ricordiamo inoltre che nell’accordo con la banca di piazzale Cordusio sono contemplate non solo le carte di credito ma anche le prepagate oltre che i ‘bancomat’ My Pay e My One.

Inoltre con My Genius è possibile aprire un vero e proprio conto corrente a canone zero con carta di debito anch’essa a costo 0 in modo tale dare ridurre ulteriormente l’impatto dei costi (My Genius, il conto utilizzabile a canone zero).

Attenzione: come riportato dal sito di Unicredit non possono utilizzare Apple Pay le carte di credito che iniziano con: 535314, 552615, 401810, 542284, 546330, 510247, 518962, 520678, 521808, 529410, 406314, 423121, 400326, 401805.

tb Apple Pay: meglio Unicredit o Hype?

Hype Apple Pay

Il carta e conto Hypetb Apple Pay: meglio Unicredit o Hype? si conferma ancora una volta tra le carte conto migliori in commercio offrendo in anticipo sulle card concorrenti il servizio Apple pay. Il servizio, così come lo stesso conto e carta Hype, è assolutamente gratuito. Per usufruire del servizio basterà:

  1. Accedere all’app HYPE;
  2. selezionare la dicitura Carta  in basso;
  3. cliccare sul pulsante Aggiungi al Wallet Apple.

A questo punto tutte le transazioni effettuate sono visualizzate immediatamente sia sul conto HYPE che nel Wallet Apple. Ribadiamo che la carta Hype non ha costo è può essere sottoscritta a partire dai 12 anni (per maggiori info Clicca quitb Apple Pay: meglio Unicredit o Hype?).

Schermata-2017-12-19-alle-17.46.06-1024x419 Apple Pay: meglio Unicredit o Hype?

christian bocca

christian bocca

Amante del web nelle sue più ampie sfaccettature, scrive da anni su i più svariati argomenti. Web Master di Migliorprestito.org sovraintende ad una redazione di primo livello formata da autori di decennale esperienza nella scrittura, giornalisti ed in generale personale qualificato nell'ambito finanziario. Cura in prima persona la sezione News.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *