Bonus energia 2017 luce e gas: come risparmiare sulla bolletta

Coloro che sono in possesso dei requisiti per usufruire del bonus energia 2017, così come avvenuto nel 2016 e negli anni precedenti, devono attivarsi per richiederne il rinnovo.

Chi invece ha i requisiti per farne la prima richiesta, deve attivarsi seguendo la semplice procedura che indichiamo in questo articolo. Si ricorda che chi ha diritto al bonus energia elettrica e ha anche la fornitura del gas, beneficerà del bonus per entrambe le componenti.

I requisiti da possedere sono di due tipo:

  • gravi problemi di salute;
  • disagio economico che viene calcolato in funzione dell’Isee e del numero dei componenti del nucleo familiare.

tb Bonus energia 2017 luce e gas: come risparmiare sulla bolletta

Bonus energia elettrica e gas prima richiesta: come fare

La prima cosa da fare è quella di munirsi del nuovo certificato Isee. A questo punto si può vedere se si è in possesso dei requisiti minimi richiesti, che sono suddivisi tra quelli di tipo economico e la presenza di un familiare con gravi problemi di salute.

I due bonus sono cumulabili (quindi chi ha diritto a quello di tipo economico ed in più ha un familiare che rientra nei problemi di salute può fare richiesta per entrambi).

Quali i requisiti?

Per le difficoltà o le condizioni di disagio economico, si deve rientrare in uno dei seguenti casi:

  • se si è un nucleo familiare che non è “numeroso” (ovvero al massimo figli) il certificato Isee deve essere al massimo pari a 8.107,5 euro;
  • se invece rientra in una famiglia numerosa, quindi con almeno 3 figli, l’Isee non deve superare 20 mila euro.

E’ possibile fare domanda solo per un’utenza con fornitura domestica e potenza massima di 3 Kw.

Per chi vuole fare domanda per disagio “fisico” e gravi problemi di salute, ci deve essere la prova dell’uso di macchinari necessari proprio per le condizioni di malattia. A questo scopo va presentata l’apposita certificazione Asl che dimostri:

  • la necessità di utilizzo dei macchinari;
  • il tipo;
  • dove avviene l’uso (indirizzo);
  • la data dalla quale è iniziato l’uso.

A quanto ammonta il bonus energia e come viene erogato?

L’ammontare del bonus energia, dovendo basarsi sul consumo stimato ‘tipo’ per quella tipologia di nucleo familiare, viene erogato in funzione del numero di componenti del nucleo stesso. Quindi si hanno tre possibili importi:

  1. 80 euro per nuclei di 1 o 2 persone;
  2. 93 euro se si hanno 3 o 4 persone;
  3. 153 euro per nuclei con almeno 5 membri.

L’erogazione del bonus avviene direttamente nelle varie bollette (suddiviso in ciascuna bolletta arrivata nel corso dei 12 mesi).

Come si richiede il bonus energia 2017?

Si deve scaricare l’apposita modulistica (scaricabile qui http://www.bonusenergia.anci.it/) alla quale va allegato:

  • documenti di identità e codice fiscale;
  • copia certificato Isee e Asl;
  • codice pod e potenza impegnata.

Se si fa presentare la domanda ad un delegato va usato l’apposito allegato. La domanda va presentata al comune di residenza oppure ad un caf o altro centro abilitato.

Si può controllare lo stato di avanzamento della domnada fatta poi online sul sito http://www.bonusenergia.anci.it/ oppure chiamando il numero verde 800166654.

Come si rinnova il bonus energia 2017?

Ogni anno si deve ripresentare la documentazione utilizzando i moduli di rinnovo. Se le condizioni sono le stesse dell’anno precedente si utilizza il modulo semplificato. Se sono variate allora va presentato il Modulo A.

Inoltre se durante i 12 mesi cambia la residenza ci si deve ricordare di presentare l’apposito documento di variazione della residenza stessa per indicare il nuovo indirizzo dove c’è la fornitura per cui si richiede il bonus energia (vedi anche bonus bebè).