Cessione del quinto rifiutata: quali sono i motivi e cosa fare?

Nonostante le rassicurazioni sulla facilità di ottenere la cessione del quinto, questa nella pratica può venire rifiutata.

Ma quali sono i motivi per cui una richiesta di cessione del quinto venga respinta o negata?

Le ragioni possono essere molteplici, ed in alcuni casi il “blocco” può essere superato, mentre in altri si deve cambiare la finanziaria o rassegnarsi cercando un altro tipo di prestito (come ad esempio quello su pegno che è l’unico che non pone questioni sul “merito” di alcun tipo).

Vediamo nel particolare le varie possibili situazioni negative legate ad una cessione del quinto e quali, laddove possibile, le soluzioni da mettere in pratica.

Il ComparatoreProtestati: siSenza garanzie: sitb Cessione del quinto rifiutata: quali sono i motivi e cosa fare?
QuintoSubito (comparatore)Protestati: siSenza garanzie: si tb Cessione del quinto rifiutata: quali sono i motivi e cosa fare?
Signor PrestitoProtestati: siSenza garanzie: sitb Cessione del quinto rifiutata: quali sono i motivi e cosa fare?

Cessione del quinto rifiutata per l’assicurazione

Il finanziamento denominato “cessione del quinto dello stipendio” prevede l’obbligo di stipulare un’assicurazione a copertura di rischio perdita di impiego e rischio morte. Quella denominata “cessione del quinto della pensione” invece impone la stipula della sola copertura assicurativa causa morte.

La compagnia di assicurazione può decidere di non offrire la copertura assicurativa se ritiene questa scelta eccessivamente rischiosa. Nel caso del rischio di perdita di impiego il rifiuto può essere condizionato da alcuni settori lavorativi specifici. In questo caso la soluzione è quella di rivolgersi a una compagnia che non ha questo genere di limitazione.

Nel caso della copertura causa morte il rifiuto può essere dovuto a particolari problemi di salute. In questi casi l’ostacolo difficilmente sarà superabile.

Può anche succedere che la compagnia non trovi delle problematiche legate al singolo richiedente (impiego e situazione della salute assicurabili), ma decida di non stipulare una polizza ad un ulteriore dipendente della stessa azienda, per un’eccessiva concentrazione del rischio. Anche in questo caso ci si deve rivolgere ad altra compagnia di assicurazione.

Cessione del quinto respinta per Tfr insufficiente

Per i soli dipendenti privati ci può essere il limite del Tfr. La maggior parte di banche e finanziarie, come ulteriore forma di garanzia, congelano infatti il Tfr che è stato accantonato nell’azienda. Un Tfr insufficiente può essere dovuto a:

  • richiesta di anticipata liquidazione del Tfr;
  • accantonamento in un fondo pensione privato;
  • poca anzianità nella posizione lavorativa.

Questo problema si supera solo rivolgendosi a finanziarie che prevedono la concessione di una cessione del quinto No Tfr. Quest sono però poche e applicano spesso tassi di interesse sensibilmente più elevati.

Cessione del quinto negata per azienda poco “solida”

Vista la particolarità del funzionamento della cessione del quinto, la solidità dell’azienda per cui si lavora è molto importante. A riguardo ci sono delle tipologie poco apprezzate (soprattutto le ditte individuali e alcuni tipi di cooperative) e molto spesso non sono considerate finanziabili le aziende che abbiano meno di 15 dipendenti occupati.


?43154805C890592572 Cessione del quinto rifiutata: quali sono i motivi e cosa fare?

Questo genere di problema si può verificare anche quando ci sono vari dipendenti che hanno già richiesto la cessione del quinto alla stessa banca o finanziaria.

Cessione del quinto rifiutata per problemi del richiedente

Il requisito di fondo è la condizione di lavoratore dipendente, che abbia raggiunto un’anzianità minima o di pensionato. E’ però necessario essere dentro ai limiti di età previsti dalla propria condizione, e avere anche un reddito netto (per la cessione dello stipendio) o della quota cedibile (per i pensionati) che sia considerata non solo sufficiente ma anche congrua.

Inoltre la concessione del finanziamento può essere negata anche nel caso in cui il richiedente mostri un eccessivo livello di indebitamento, a meno che non venga usata proprio come modalità di consolidamento debiti o prestiti.

Ti hanno rifiutato la cessione del quinto? Vuoi raccontare la tua esperienza e chiedere un consiglio ad un esperto? Scrivi un commento!!!

2 pensieri riguardo “Cessione del quinto rifiutata: quali sono i motivi e cosa fare?

  • 24 agosto 2017 in 20:02
    Permalink

    Sono un prepensionato e mi hanno rifiutato il quinto cosa posso fare

    Risposta
    • 25 agosto 2017 in 16:03
      Permalink

      Salve Angelo, per una risposta più particolareggiata, può fornirmi dei dati più precisi della sua situazione?

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *