Piccoli prestiti veloci e facili: esistono davvero?

I piccoli prestiti sono sempre più numerosi, ma sono anche i più facili da ottenere? In poche parole il binomio di piccoli prestiti veloci e facili è reale o si tratta di pura utopia? Le due condizioni vanno di pari passo, e vediamo il perché.

Piccoli prestiti veloci e facili: facile non vuol dire “sicuro”

La prima premessa che dobbiamo fare è che se abbiamo intenzione di richiedere dei piccoli prestiti veloci e facili allora dovremo scegliere la finanziaria o la banca con attenzione. Questo perché tradizionalmente alcune società rispettano dei tempi più rapidi grazie all’uso di tecniche di valutazione molto sintetiche e schematizzate.

In queste situazioni però il rischio che le richieste meno scorrevoli per le condizioni applicate e la situazione reddituale siano cestinate aumentano. Quindi come primo consiglio va considerata l’entità del reddito: se questo è basso allora bisogna puntare a rate piccole, più piccole possibile, rischiando di allungare la durata.

?42620656C702823321 Piccoli prestiti veloci e facili: esistono davvero?

Si tratta di una scelta economicamente non conveniente, ma se si ha realmente bisogno del finanziamento è un sacrificio che bisogna essere disposti ad accettare.

Altro aspetto da valutare è quello della facilità di concessione. Se è vero che alcuni istituti di credito sono meno rigidi nelle valutazioni rispetto ad altri, è anche vero che facile non significa sicuro al 100%.

Per prima cosa la procedura da seguire e i documenti da esibire sono alla base gli stessi, tanto che si richiedano piccoli prestiti o importi più elevati, specialmente quando si rimane all’interno del credito al consumo e della relativa normativa.

Quindi ottenerli senza una busta paga o un reddito dimostrabile è ancora possibile solo se si rientra nei casi in cui si può presentare almeno un garante solido redditualmente o se si possono usare i prestiti d’onore (vedi anche prestiti personali senza busta paga).

Piccoli prestiti veloci e facili: caratteristiche

Quali sono quei finanziamenti che presentano le caratteristiche che li possono far classificare in quelli veloci e più facili da ottenere?

  1. Per prima cosa le somme devono essere basse. Da qualche centinaio di euro (valido sia per i prestiti personali che per quelli finalizzati all’acquisto di prodotti tecnologici, elettrodomestici, pc, ecc) ad un massimo di 5000 euro.
  2. I tempi di erogazione devono essere ricompresi nel giro di un paio di giorni. Questi si intendono dall’invio di tutta la documentazione fino all’approvazione.

Tuttavia non è detto che piccoli importi beneficino di bassi tassi. Ad esempio riportiamo il risultato di una simulazione fatta sul sito di comparazione Facile.it il 12-10 2017. Nonostante la grande differenza di Tan a livello di Taeg il risultato è abbastanza allineato. Quindi tranne che nel caso di un vero tasso zero (Taeg pari a 0%) si deve sempre fare attenzione soprattutto al Taeg e al Tegm (per le caratteristiche di Younited Credit leggi qui)

prova Piccoli prestiti veloci e facili: esistono davvero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *