Documenti cessione del quinto: ecco quali servono

I documenti per la cessione del quinto sono davvero facili da ottenere? Quello di cui si è certi è che la cessione del quinto dello stipendio e della pensione, rappresenta un tipo di finanziamento abbastanza chiaro, dal funzionamento noto e certo.

Un discorso che coinvolge anche i prestiti pluriennali Inps che altro non sono che una speciale cessione del quinto erogata dall’Inpdap.Tuttavia spesso manca un po’ di informazione per i documenti che bisogna esibire. A riguardo si deve fare distinzione tra i documenti cessione del quinto per pensionati, e quelli necessari per la cessione del quinto dello stipendio.

Inoltre merita un capitolo a parte la lista dei documenti della cessione del quinto Inpdap o Inps, ovvero ci riferiamo a quelli che sono definiti “prestiti pluriennali” non garantiti (per quelli garantiti si rimanda ai normali documenti richiesti per la cessione del quinto pensione o stipendio destinata a privati).

Il ComparatoreProtestati: siSenza garanzie: sitb Documenti cessione del quinto: ecco quali servono
QuintoSubito (comparatore)Protestati: siSenza garanzie: si tb Documenti cessione del quinto: ecco quali servono
Signor PrestitoProtestati: siSenza garanzie: sitb Documenti cessione del quinto: ecco quali servono

Documenti cessione del quinto per pensionati

Qui vediamo i documenti che sono necessari per ottenere la cessione del quinto della pensione accessibile a tutti i pensionati Inps.

Per tutti i pensionati, che siano ex Inpdap o ex Ipost che non vogliono i prestiti pluriennali non garantiti (o che siano ex autonomi), i documenti necessari sono:

  • documento di identità in corso di validità (quindi patente, passaporto o carta di identità non scaduti);
  • tessera sanitaria o tesserino del codice fiscale;
  • documento che certifica il reddito, che può essere ultimo cedolino della pensione oppure la dimostrazione dell’accredito in conto o libretto postale;
  • certificazione della quota cedibile (che va richiesta alle amministrazioni Inps che operano nella propria zona).

Se invece si tratta di pensionati ex Inpdap o ex Ipost che desiderano richiedere i prestiti pluriennali non garantiti, allora oltre a questi documenti deve essere presentato anche la documentazione che dimostra la ragione per cui si richiede il finanziamento.

Alcuni esempi sono:

  • certificato medico;
  • preventivo lavori di ristrutturazione;
  • preventivo spese mediche;
  • stato di famiglia (sostituibile anche con autocertificazione), ecc.

In alcuni casi è accettata l’autocertificazione ma bisogna essere pronti ad esibire la documentazione ufficiale su richiesta.

?42398951C2110653016 Documenti cessione del quinto: ecco quali servono

Documenti cessione del quinto dello stipendio

I dipendenti generalmente a tempo indeterminato (ci sono delle eccezioni per alcuni dipendenti a tempo determinato), devono presentare come documenti:

  • documento di identità in corso di validità (quindi patente, passaporto o carta di identità non scaduti);
  • tessera sanitaria o tesserino del codice fiscale;
  • ultima busta paga o certificato stipendiale.

Se si tratta di dipendenti pubblici che possono accedere ai prestiti pluriennali non garantiti Inpdap, allora oltre a questi documenti devono essere presentate le attestazioni e/o certificazioni che giustificano la richiesta di accesso al finanziamento agevolato (vedi esempi sopra).

Si ricorda però che le agevolazioni con uso del prestito pluriennale Inpdap spetta solo ai dipendenti e pensionati che siano in possesso di requisiti specifici, a partire dall’adesione, e successiva contribuzione, alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie.

Senza costi e senza impegno è, ad esempio, la proposta di Signor Prestito che grazie alla sua specializzazione nella cessione del quinto dello stipendio e della pensione offre un servizio completo e di qualità. Clicca qui per un preventivo gratuito e senza impegnotb Documenti cessione del quinto: ecco quali servono

I documenti per la cessione del quinto sono necessari per ottenere un preventivo?

La richiesta di un preventivo può essere fatta anche con l’inserimento di dati approssimativi ma in questo caso avrà carattere puramente indicativo.

Richiedere un preventivo basandosi sui documenti che in seguito saranno ufficialmente necessari  per una cessione del quinto, non induce problemi di obbligatorietà perché i preventivi non hanno mai carattere impegnativo. Di contro si potrà avere un calcolo, e quindi un quadro della situazione, completo e aderente alla realtà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.