Cessione del quinto: dopo quanto si può richiedere?

Cessione del quinto dopo quanto si può richiedere? Ottenere un finanziamento quando si è assunti da poco tempo è difficile, ma se si tratta della cessione del quinto?

In poche parole ci sono due domande che andiamo ad affrontare in questo articolo e cioè:

  1. Quanto possono chiedere di cessione del quinto i neoassunti?
  2. Dopo quanto si può richiedere questo tipo di finanziamento?

Vediamo insieme le possibili risposte anche se prima di vedere i differenti casi va fatta alcune premesse sulla cessione del quinto:

  • il ‘dopo quanto si può richiedere‘ dipende sia il settore di appartenenza e sia dalla politica di credito della finanziaria o della banca;
  • il ‘quanto si può chiedere‘ è condizionato dall’esistenza di ulteriori possibili garanzie e dal settore di appartenenza.

tb Cessione del quinto: dopo quanto si può richiedere?

Cessione del quinto dopo quanto si può richiedere: dipendente pubblico o privato?

La cessione del quinto è nata per i dipendenti pubblici, e fin dalle prime disposizioni era stato stabilito un limite molto basso temporale per i neoassunti, che era fissato in 3 mesi.

Oggi la maggioranza di banche o finanziarie ha mantenuto questo limite ma ci sono delle finanziarie che hanno ridotto ulteriormente la tempistica per prendere in mano la richiesta e poterla valutare. La cessione del quinto per dipendenti pubblici è quella che è più facile trovare anche no Tfr a garanzia.
Invece se parliamo della cessione del quinto per dipendenti privati il vincolo temporale che passa per il neoassunto dall’assunzione al momento di fare la richiesta va dai 6 mesi ai 18 mesi.

Si tratta di un arco temporale molto ampio che dipende da altri fattori quali soprattutto la tipologia dell’azienda per la quale lavora e le sue dimensioni. I limiti più bassi (intorno ai 6 mesi) valgono logicamente per le grandi aziende (spesso si inserisce il limite dei 101 dipendenti come minimo).

Cessione del quinto quanto si può richiedere?

L’importo che può essere richiesto è calcolato nella misura del 20% sullo stipendio al netto delle trattenute. Quando si tratta di una richiesta per neoassunti allora mancando il Tfr (che costituisce la garanzia più solida), ci può essere come conseguenza diretta:

  • riduzione della durata del piano di rimborso (nella maggioranza dei casi non si concederà un piano di ammortamento superiore alle 60 rate);
  • riduzione dell’importo concedibile (che può essere aumentato offrendo altre garanzie se richieste ed accettate).

tb Cessione del quinto: dopo quanto si può richiedere?

Cessione del quinto dopo quanto si può richiedere: i limiti per i neoassunti

Il consiglio anche nel caso di una richiesta di cessione del quinto per neoassunti è quella di informarsi presso le varie finanziarie sulle politiche di credito (quando possibile si possono sfruttare i comparatori che sono utilizzabili gratis e che possono ampliare la panoramica dei risultati delle proprie ricerche).

Detto questo mettiamo in evidenza i principali limiti che si possono trovare e che possono essere motivo di rifiuto (leggi di più qui):

  • tipo di società per cui si lavora con esclusione soprattutto di cooperative;
  • numero minimo di dipendenti inferiore ai 15 lavoratori;
  • contratto a tempo determinato di breve durata;
  • richiesta nel periodo di prova previsto dal contratto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.