Scalapay: quali vantaggi al di là delle recensioni?

Sharing is caring!

Scalapay ha via via abbinato il suo nome a importanti negozi e commerce, ottenendo successo grazie a dei fattori molto importanti:

  • possibilità di fare un acquisto a rate, anche per importi molto bassi, senza alcun interesse;
  • semplicità con la quale avviene la richiesta di rateizzazione;
  • acquisto da subito dei prodotti voluti, iniziando a pagare a rate dalla prima scadenza successiva utile, dovendo sostenere solo una parte del prezzo subito;

I prodotti accessibili, rispetto a molte altre alternative, non sono solo tecnologici, visto che l’acquisto a rate prevede spesso anche abbigliamento, scarpe, borse e molto altro.

tb Scalapay: quali vantaggi al di là delle recensioni?

Scalapay: i requisiti

Per utilizzare Scalapay bisogna solo andare su uno dei negozi che lo prevede come modalità di pagamento ed avere una carta di pagamento da associare. Per conoscere i negozi che hanno un accordo con Scalapay si hanno due possibilità:

  • cercare tra le modalità di pagamento previste dall’ecommerce prescelto (per esempio una volta riempito il carrello, quando si deve scegliere il sistema di pagamento, si deve vedere se è riportata la dicitura Scalapay e selezionarla);
  • andare nell’apposita pagina sul sito ufficiale di Scalapay (clicca qui) dove sono riportati i nomi dei negozi convenzionati.

Per esempio ci sono nomi come Freddy, Bata, Zuiki, ma non è presente un nome di peso come Amazon, ma questo è spiegabile per la funzione di Amazon che funge sia da venditore che da vetrina e intermediario (leggi la nostra recensione di Creditline Amazon).

Ma attenzione ribadiamo che i negozi convenzionati Scalapay non sono attivi solo nell’ambito dell’abbigliamento spaziando in varie categorie merceologiche tra cui  il makeup, il bricolage e molto altro.

A differenza di altri sistemi di dilazione di pagamento (come per esempio Pagodil), il rischio che non venga accettato è ridotto al minimo (leggi a riguardo Pagodil online).

Quali carte accetta Scalapay

A riguardo, la carta di pagamento (che può essere di debito o di credito) deve essere intestata a chi effettua l’acquisto (nella registrazione si deve inserire lo stesso nominativo dell’account). Non solo vale la regola che a un nominativo può essere collegata una sola carta di pagamento.

Da segnalare la possibilità di collegare a Scalapay anche le principali prepagate come ad esempio la Postepay e Postepay Evolution mentre non sono accettate le card Bancomat e Maestro.

Sul sito ufficiale viene però specificato che per talune carte può essere ridotto il proprio potere d’acquisto (cioè il limite di spesa massimo). Questo può cambiare anche da negozio a negozio mentre non muta in funzione della disponibilità effettiva della carta stessa a meno che questa non sia inferiore all’importo dell’acquisto da effettuare.

In tal caso generalmente il sistema non rifiuta il pagamento d’acchito ma propone di cambiare la carta con la quale si fa l’acquisto o di inserirne una nuova. L’aspetto delle carte prepagate risulta comunque molto interessante in un ottica di controlla massimo dell’esborso riferendosi a carte conto complete ed economiche (anche a costo zero) come ad esempio Hype (Clicca qui per maggiori infotb Scalapay: quali vantaggi al di là delle recensioni?).

Scalapay: guida alla richiesta

Se si vuole usare Scalapay come sistema di pagamento si devono sapere solo due cose:

  • il prezzo di acquisto sarà suddiviso in 3 rate. Una viene addebitata subito sulla carta mentre le rate successive sono addebitate con cadenza di 4 settimane;
  • l’addebito delle rate avviene in modo automatico, ma qualche giorno prima della scadenza il sistema ricorderà la data di addebito e si offrirà la possibilità di anticipare il pagamento. Per farlo basta dare il proprio consenso (si clicca sul relativo link e poi si dà l’autorizzazione).

Detto questo analizziamo insieme la procedura che segue alcuni semplici step e cioè:

  1. si inseriscono nel carrello i prodotti da acquistare;
  2. nella pagina dei sistemi di pagamento si seleziona Scalapay e si dà la conferma;
  3. si viene inviati nella pagina di creazione dell’account (va fatta solo la prima volta, mentre per gli acquisti successivi sarà sufficiente inserire le credenziali già create per poter accedere di nuovo alla procedura);
  4. si fa la registrazione tenendo a portata di mano la carta di pagamento che si vuole associare.

Se al termine si ottiene il semaforo verde allora il check out prevede la chiusura dell’ordine con invio della merce nei tempi previsti dal venditore.

Costi e limiti di utilizzo

Non ci sono interessi sulla dilazione di pagamento, ma se si dovesse pagare in ritardo (per esempio perché il plafond della carta era stato completamente utilizzato) allora si applica una commissione a titolo di mora pari a 6 euro. Questo se si rimane entro una settimana di ritardo, che sale a 12 euro se si superano i 7 giorni.

Bisogna stare attenti perché se non si è affidabili nei pagamenti diventa quasi impossibile ottenere in futuro l’accesso alla dilazione di pagamento

A riprova di ciò in varie recensioni degli utenti viene proprio messo in evidenza che dopo aver ottenuto un parere positivo da Scalapay nelle richiesta successive si è sempre andati incontro a dei rifiuti.

Quindi il consiglio che possiamo dare per non avere uno Scalapay rifiutato è quello di essere molto precisi, e quando possibile liquidare le rate con qualche giorno di anticipo.

Per quanto riguarda invece i limiti degli importi dilazionabili la decisione è a carico dell’e commerce. Bisognerà quindi appurarlo direttamente sul sito tenendo presente che ci possono essere notevoli disparità. Ne sono un esempio:

  • Kasanova che, per la categoria merceologica d’appartenenza, parte da importi abbastanza alti (100 euro) con un massimo di 1000 euro;
  • Freddy: che parte anche da importi bassi per arrivare a massimo 300 euro.

tb Scalapay: quali vantaggi al di là delle recensioni?

Quali negozi accettano Scalapay: è possibile acquistare solo online?

Scalapay è disponibile non solo per gli acquisti sul web ma anche nei negozi ‘tradizionali’. Anche in questo caso è logicamente necessario riferirsi ad esercenti convenzionati (ancora una volta nomi di primo piano come Kasanova, Freddy, Bata, ecc). Alla pari di Scalapay online anche ‘in store’ la procedura è abbastanza semplice è infatti sufficiente:

  • accedere alla propria area personale;
  • selezionare l’opzione Scalapay in negozio;
  • indicare il negozio nell’apposita area preposta;
  • nella pagina seguente selezionare l’importo che vuole dilazionare;
  • confermare la carta desiderata o  cambiarla;
  • confermare la procedura richiedendo l’importo da dilazionare;
  • generare il codice a barre.

Ma attenzione fino a questo punto non si avrà nessun addebito reale che si concretizzerà solo al momento del pagamento alla cassa. Per effettuarlo basterà mostrare il codice alla cassa e farlo scannerizzare dall’esercente. Sarà quindi sufficiente confermare l’ordine per completare il tutto. Alla pari della versione online la prima rata viene pagata subito mentre le altre 2  dopo 1 e 2 mesi rispettivamente.

Cosa ci Piace

La semplicità della procedura e la possibilità di poter pagare a rate anche importi molto piccoli. Ovviamente ci piace molto l’assenza di interessi e la possibilità di utilizzare il sistema presso negozi tradizionali ed online.

Cosa non ci Piace

L’esperienza che abbiamo maturato (anche direttamente con Scalapay), per il momento non ci fa trovare aspetti negativi, tranne la mancanza della possibilità di poter scegliere un numero di rate maggiore (vedi PAGODIL).

Bocca Christian

Amante del web nelle sue più ampie sfaccettature, scrive da anni su i più svariati argomenti. Web Master di Migliorprestito.org sovraintende ad una redazione di primo livello formata da autori di decennale esperienza nella scrittura, giornalisti ed in generale personale qualificato nell'ambito finanziario.

2 pensieri riguardo “Scalapay: quali vantaggi al di là delle recensioni?

  • 24 Dicembre 2020 in 18:13
    Permalink

    è stato dichiarato da Scalapay, che hanno più di 1.000 negozi convenzionati…ma sul loro sito ne ho contati 300, dove li troviamo altri tipi di negozi che potrebbero interessarci a noi clienti ? Grazie

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Per vedere la nostra privacy policy accedi al link: https://migliorprestito.org/privacy-policy/ Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per inviare messaggi promozionali sulla base dei comportamenti degli utenti. Può conoscere i dettagli alla pagina della Privacy. Cliccando su 'Accetta' si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Per la normativa vedi: http://www.garanteprivacy.it/web/guest/regolamentoue/guida-all-applicazione-del-regolamento-europeo-in-materia-di-protezione-dei-dati-personali

Chiudi