Smartphone a rate: finanziamento, in abbonamento o Pagodil?

Come comprare uno smartphone a rate? E’ meglio acquistarlo con un classico finanziamento o tramite le numerose offerte proposte dai principali provider? Quali le possibili ulteriori alternative? Vediamo tutto nel particolare.

Smartphone a rate in abbonamento: Wind, Tim o Vodafone?

La scelta di acquistare uno smartphone tramite abbonamento con uno dei numerosi provider del mercato italiano è, oggigiorno sempre più comune. Questa crescita esponenziale è dovuta principalmente alla pluralità di scelta sia fra i vari gestori (Vodafone, Wind, Tim, Poste Italiane, ecc) che all’interno di uno stesso provider in riferimento alla tipologia di device (partendo degli entry level fino ai top di gamma come iPhone 7 e Samsung S8).

Per poter accedere alla ‘dilazione’ non sono richiesti logicamente documenti reddituali visto che la rata mensile sarà addebitata mensilmente su credit card (sono comunque sempre di più i provider che accettano di procedere anche senza carta di credito ma con bancomat o conto corrente). Ecco nel particolare le migliori proposte del 2017:


?42620657C647859311 Smartphone a rate: finanziamento, in abbonamento o Pagodil?

Tim: da 0,99 euro fino a Tim Next

La proposta di smartphone a rate proposta da Tim è sicuramente una delle più ampie e variegate partendo da un costo mensile di 99 centesimi per ottenere ‘Tim Smart’,  device prodotto in esclusiva dal gestore italiano. E’ comunque possibile scegliere fra numerose altre proposte passando da quella a 1,99 euro (che comprende smartphone Alcatel, Samsung e Huawey) fino a 2,99€ per Huawey P8 Lite, Samsung J5 e due modelli LG.

Per quanto riguarda i top di gamma la migliore soluzione proposta è invece rappresentata da Tim Next. Tramite questa proposta è infatti possibile ricevere con un impegno economico relativamente limitato (da 15 fino a 35 euro al mese) uno dei migliori smartphone del momento. Non solo al termine dell’anno sarà possibile interrompere l’abbonamento, continuare a pagare fino al termine (30 mesi) ma soprattutto sostituire con un nuovo device. Ricordiamo che nell’offerta 2017 Tim ha presentato l’iPhone 7 (fino a 256 Gb), il Samsung S8 (anche Plus), l’Huawey P10 (anche Plus) e l’Lg G6 (15 euro/mese).

Wind: il risparmio con la ricaricabile

Anche Wind permette di ottenere uno smartphone a rate anche se nell’ambito di una proposta sicuramente più standard rispetto a quella proposta da Tim (che comunque propone una tipologia di offerta simile a quella specificata in seguito). Il costo mensile è infatti commisurato alla tipologia di piano tariffario associato. In tale maniera sarà possibile ottenere  con Wind un Huawey P9 Lite a solo 1 euro al mese con All Inclusive fino ad un iPhone 7 Plus a 23 euro sempre sfruttando lo stesso piano tariffario (16 euro per l’S8+).

Vodafone: Red Start, Maxi o smartphone a 1 euro

Questo provider propone un offerta simile a quella precedente e prende in nome di Red Start o Maxi. Con questa promozione sarà possibile avere un iPhone 7 rispettivamente con le due offerte a 45 e 49 euro. Nel computo mensile saranno compresi oltre al device 6 o 10 Gb di navigazione e minuti illimitati ogni 4 settimane. Con Vodafone sarà anche possibile avere uno smartphone a 1 euro e 2 Gb compresi scegliendo  per quanto riguarda la metà del 2017 fra: Huawey P8 Lite e Lg K4 o K10.


?42881024C1088767500 Smartphone a rate: finanziamento, in abbonamento o Pagodil?

Wind Easy Shop: come acquistare uno smartphone a rate su Amazon?

Un’interessante alternativa per acquistare uno smartphone a rate ci viene offerta dall’appena citata Wind. Il provider italiano, grazie ad un accordo mirato chiamato Wind Easy Shop, permette infatti di rateizzare uno smartphone con Amazon. Come funziona?

  1. Il primo passo è quello di acquistare l’offerta d’interesse (ad esempio quella rivolta al Promo Wind Pack – Samsung Galaxy S8, 64 GB, Midnight Black (Anticipo) + SIM Wind Ricaricabile con offerta Wind Smart 10+ir?t=ricettperbamb-21&l=am2&o=29&a=B073V4CXYZ Smartphone a rate: finanziamento, in abbonamento o Pagodil?) alla pari di un normale acquisto Amazon pagando fattivamente solo un piccolo anticipo;
  2. A questo punto si riceverà una mail tramite la quale completare la sottoscrizione e fornire il numero della carta di credito dove verranno addebitate le rate;
  3. Dopo tale contatto via mail il personale dedicato al Wind Easy Shopir?t=ricettperbamb-21&l=ur2&o=29 Smartphone a rate: finanziamento, in abbonamento o Pagodil? di Amazon telefonerà direttamente al cliente per stabilire la consegna del device.
  4. Lo smartphone verrà consegnato a domicilio dal corriere a cui si dovrà fornire, per la propria sicurezza, una copia del documento d’identità.

Ricordiamo, tra l’altro, che nel suddetto anticipo è anche compresa un sim di nuova generazione con un piano tariffario esclusivo per Wind Easy Shopir?t=ricettperbamb-21&l=ur2&o=29 Smartphone a rate: finanziamento, in abbonamento o Pagodil? Amazon e la prima ricarica mensile.

Per maggiori info su come acquistare uno smartphone a rate su Amazon è possibile accedere alla pagina Amazon dedicata Quiir?t=ricettperbamb-21&l=ur2&o=29 Smartphone a rate: finanziamento, in abbonamento o Pagodil?.

Finanziamento classico: conviene un prestito per acquistare uno smartphone a rate?

I provider non sono logicamente l’unica possibilità di acquistare un device in maniera dilazionata. Anzi in molti casi tramite un acquisto in negozio è possibile risparmiare in maniera notevole. I device infatti, soprattutto nel caso delle grandi catene di distribuzione (Mediaworld, Amazon, Unieuro, Tronyecc), vanno incontro ad un rapido abbassamento del prezzo che nel caso dei gestori telefonici è sicuramente più limitato. Per quanto riguarda gli aspetti negativi abbiamo invece:

  • la maggiore difficoltà di accesso: i classici finanziamenti non sono accessibili a tutti, in primis cattivi pagatori e protestati. Sono comunque richiesti documenti reddituali ed in alcuni casi anche un garante.
  • l’applicazione dei tassi d’interesse.

Per quanto riguarda questo secondo aspetto gioverà riverirsi alle numerose promozioni a tasso zero che le catene di elettrodomestici propongono regolarmente (nel caso di Mediaworld anche fino a 25 mesi di dilazione). E’ comunque possibile riferirsi anche ai prestiti tradizionali procedendo alla richiesta di numerosi preventivi (assolutamente senza impegno) in modo tale da scegliere la soluzione più consone e conveniente rispetto alle proprie necessità.

Younited CreditPreventivo online: siRichiesta veloce: si ?40918974C1903681 Smartphone a rate: finanziamento, in abbonamento o Pagodil?
Prestiti UnicreditPreventivo online: siRichiesta veloce: si ?42787353C732634420 Smartphone a rate: finanziamento, in abbonamento o Pagodil?
Prestiti FindomesticPreventivo online: siRichiesta veloce: si

Quali altre alternative?

Tra le possibile soluzioni alternative troviamo ad esempio le carte revolving che permettono di dilazionare la cifra spesa semplicemente utilizzandola al posto della classica carta di credito. A riguardo è necessario prestare attenzione ai tassi d’interesse applicati che in alcuni casi possono superare di molto quelli applicati ai finanziamenti. Segnaliamo in quest’ambito Carta Zerus di Agos che per spese superiori ai 500 euro offre il tasso zero.

Un altra alternativa è rappresentata da Pagodil che permette una dilazione di pagamento senza interessi semplicemente presentando il proprio bancomat od assegno. Anche in questo caso non è quindi richiesta alcuna busta paga od Unico e la risposta alla rateizzazione è immediata (normalmente di 6 mesi).


?42461831C1524674698 Smartphone a rate: finanziamento, in abbonamento o Pagodil?

L’unica difficoltà legata a Pagodil è la necessità che il servizio sia attivo nel negozio dove si acquisterà lo smartphone a rate. Sarà quindi necessario informarsi preventivamente ricordando che l’attivazione del servizio in una sede di una catena di elettrodomestici (come ad esempio Euronics) non corrisponde all’attivazione di Pagodil per tutti gli altri punti vendita.

Lucia Aculieda

Lucia Aculieda

Autrice poliedrica è laureata in Economia e Commercio. Ha un'ampia esperienza su tutto ciò che è legato ai prestiti personali sia per quanto riguarda i prodotti delle varie banche e finanziarie che per l'aspetto normativo. Ha scritto anche un saggio psicologico e numerosi libri per bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.